Le linee del tempo degli Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo Dorato

Una mostra che insegue le linee del tempo quella che, fino al 31 ottobre 2018, riempirà i nuovi spazi espositivi della Centrale Montemartini lungo la via Ostiense di Roma; Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo Dorato nasce dall’idea di mettere a confronto due civiltà, quella egizia e quella etrusca, traendo spunto dai recenti scavi presso Vulci che hanno portato alla luce numerosi preziosi databili tra VII e III secolo a.C. A questi si sommano reperti egizi unici dalla Collezione Berman, nucleo fondamentale della mostra, e le collezioni ottocentesche di Augusto Castellani e di Giovanni Barracco, padri del collezionismo archeologico.

11 - Testa di leone in basalto

Nuovi spazi espositivi alla Centrale Montemartini

In occasione dei venti anni dalla riapertura del Museo, il nuovo spazio espositivo di 250 mq, ha inoltre donato nuova vita a reperti già presenti nel precedente allestimento quali i sarcofagi, rappresentazione dell’arte funeraria antica, i ritratti romani, tra cui spicca il Togato Barberini, e la tomba di Crepereia Tryphaena, rinvenuta nel 1889 durante i lavori di scavo delle fondamenta del Palazzo di Giustizia di Roma.

Nel percorso espositivo della mostra si innestano elementi delle collezioni dei Musei Capitolini e del Museo Barracco che ben riconducono al clima di collezionismo ottocentesco che vide tra i protagonisti Castellani e Barracco, personaggi che fecero molto per le collezioni capitoline; entrambi nati nel 1829, raccolsero un gran numero di opere d’arte, il primo più orientato verso l’etrusco, il secondo più verso l’egizio, per poi donarle in punto di morte ai musei della Capitale.

9 - Volto Egizio_ Coll. Berman
Volto Egizio_ Coll. Berman

Collezionisti di arte egizia ed etrusca

Accanto a questi si accostano gli oggetti donati nel 1952 alla Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria meridionale dal collezionista, illustratore e scenografo Eugene Berman; questi mostrano l’occhio con cui l’uomo guardava all’arte egizia ed a quella etrusca. Un modo di interessarsi al collezionismo del tutto particolare tramite una passione smodata verso le maschere, i vasi di pietra, l’alabastro, le stoffe copte, mezzi con cui le civiltà antiche dialogavano con il contemporaneo.

250 pezzi di pregio che costituiscono un nucleo unico che permette di meglio comprendere il contesto e gli aspetti culturali di due grandi civiltà come quella Egizia e quella Etrusca.

Egizi Etruschi, due civiltà che si incontrano

Due civiltà che si incontrano attraverso due mediatori, i fenici ed i greci, vettori di collegamento per le culture mediterranee; i periodi di incontro furono fondamentalmente due, tra la fine dell’VIII secolo lungo tutto l’Orientalizzante, ed il III secolo a.C. A questi periodi risalgono gli amuleti con Bes, gli scarabei egizi, tra cui citiamo quello recante nel retro il cartiglio di Bocchoris, sovrano egizio che rimase al potere per pochi anni ma che affascinò la committenza occidentale, in particolare quella etrusca che gli dedicò una tomba a Tarquinia.

Il percorso espositivo

Il percorso si apre con i volti che Berman, collezionista e scenografo, aveva selezionato in Egitto nel corso dei suoi viaggi. La linea del tempo prosegue con il periodo tolemaico; non a caso, proprio la Centrale Montematini, ospita uno splendido ritratto di principessa tolemaica come Iside. La mostra si snoda dal fascino che l’Egitto esercitò sugli intellettuali dell’Ottocento per poi proseguire attraverso i simboli e le ideologie che accomunavano le due civiltà come gli emblemi del potere, il carro, il bastone del comando che ritorna sia in Egitto che in Etruria, l’oro metafora di immortalità, di incorruttibilità del corpo, le divinità, le rotte degli aromi e dei profumi che arrivavano dall’Arabia.

2 - Fibula a disco_Tomba degli Ori da Vulci
Fibula a disco_Tomba degli Ori da Vulci

I Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

A chiudere il cerchio, un riferimento all’attività del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, con l’esposizione al pubblico del prezioso corredo funerario della Tomba dello Scarabeo dorato, rinvenuta a Vulci nel 2016 grazie all’attività di contrasto agli scavi clandestini dell’Arma.

Il fascino d’una collezione sta in quel tanto che rivela e in quel tanto che nasconde della spinta segreta che ha portato a crearla” (Italo Calvino, Collezione di sabbia, 1984)

Ilenia Maria Melis

 

Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo dorato

fino al 31 ottobre 2018

Centrale Montemartini

Via Ostiense, 106 – 00154 Roma

www.centralemontemartini.org

CATALOGO DISPONIBILE SU AMAZON

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.