Visitare Roma in 24 ore, cosa vedere

Visitare Roma in 24 ore cosa vedere

Visitare Roma in 24 ore, cosa vederePossibile visitare Roma in 24 ore? Forse no, ma con scarpe comode e occhi vivaci è possibile avventurarsi per un itinerario che ne ripercorra le tappe più caratteristiche; dal Colosseo al Pantheon, da Castel Sant’Angelo a piazza San Pietro sulle tracce delle meraviglie della Città Eterna.

Cosa visitare a Roma quando si hanno solo 24 ore a disposizione? Difficile scegliere tra le bellezze che offre la Capitale; ma voglio venirvi in aiuto con un itinerario che vi porti alla scoperta delle maggiori attrazioni che Roma offre ai suoi visitatori. Quindi scarpe comode e pronti per una intensa passeggiata tra antiche rovine, fontane chiassose, castelli e luoghi sacri. 7 luoghi da non perdere a Roma da vedere in 24 ore. Pronti? Si parte.

Sommario

  1. Colosseo
  2. Fori Imperiali
  3. Piazza Venezia
  4. Pantheon
  5. Piazza Navona
  6. Castel Sant’Angelo
  7. Piazza San Pietro

h. 9.00: Colosseo

Parco Archeologico del Colosseo, cosa vedere a Roma in 24 ore
Parco Archeologico del Colosseo
(ph. Ilenia M. Melis)
Cosa vedere a Roma in 24 ore

Dopo un’abbondante colazione si può partire alla scoperta della Città Eterna. E una visita a Roma non può che partire con il suo monumento simbolo, l’Anfiteatro Flavio, meglio noto come Colosseo. Costruito dagli imperatori Flavi, il massimo monumento del mondo romano si presenta in tutta la sua imponenza ai turisti in visita nella Città Eterna; impossibile non emozionarsi di fronte a tanta maestosità.

Iniziato nel 72 d.C. sotto il regno di Vespasiano, fu inaugurato nell’80 da Tito con grandiose cerimonie e spettacoli che si protrassero per 100 giorni. 300 tonnellate di ferro e oltre 100.000 metri cui di travertino per un’altezza di 52 metri e una larghezza di quasi 200 metri; tre ordini sovrapposti ognuno di 80 arcate: questi i numeri del Colosseo.

Entrare in questa maestosità suscita emozioni senza eguali; la sensazione è quella di essere così piccoli quando si attraversano lunghi e imponenti corridoi che si innalzano come cattedrali oltre le teste. E sembra quasi di udire il vociare degli spettatori che incitano al combattimento i gladiatori. Ma l’emozione più grande si ha affacciandosi nell’arena; un ricco sistema di sotterranei cela le attrezzature dedicate agli spettacoli. E sopra di esse i gladiatori si affrontano in scontri sanguinari bardati di elmi che ne celano i lineamenti proteggendone il volto. Lo scontro è crudo; schizzi di sangue si impastano con polvere e sudore; solo uno otterrà la vittoria; gli spettatori lo sanno e incoraggiano il proprio beniamino. Il vincitore è stato proclamato; ora è tempo di riprendere il nostro viaggio.

INFO: Parco archeologico del Colosseo, piazza del Colosseo, 1 – Roma

biglietto intero 16,00 Euro

parcocolosseo.it

10.30: Fori Imperiali

Veduta sui Fori, vedere Roma in 24 ore
Veduta sui Fori
(ph. Ilenia M. Melis)
Vedere Roma in 24 ore

Lasciandoci alle spalle il Colosseo, ci dirigiamo su via dei Fori Imperiali; qui ci attende un’intensa passeggiata nella storia nei Fori Imperiali, progetto iniziato da Cesare che con il suo foro creò un raccordo tra città vecchia e nuova. Si è totalmente circondati da monumenti che evocano i fasti di una Roma antica fatta di colonne che si ergono verso il cielo, di opere murarie che hanno affrontato intemperie resistendo al tempo per raccontare la propria storia. E percorrere questi basolati è un susseguirsi di emozioni; veder scorrere podi, templi, resti di costruzioni che in passato si ergevano con la propria imponenza annunciando a gran voce il potere dell’imperatore di turno.

Piazze fiancheggiate da portici colonnati in cui si affrontano ampie esedre; sfilate di personaggi illustri che narrano la storia della Repubblica; templi votivi che celebrano divinità e vittorie; fontane traboccanti circondate da verdeggianti aiuole. Là dove i reperti possono sembrare poco leggibili, vengono in soccorso pannelli esplicativi che sanno integrare quanto già fatto dall’immaginazione.

INFO: Fori Imperiali, via dei Fori Imperiali – Roma

biglietto intero 5,00 Euro

www.turismoroma.it/foriimperiali

h. 13.00: Piazza Venezia

Il Vittoriano, cosa vedere a Roma in 24 ore
Il Vittoriano
(ph. Ilenia M. Melis)
Cosa vedere a Roma in 24 ore

Il nostro percorso lungo via dei Fori Imperiali ci conduce a piazza Venezia dove trionfa l’Altare della Patria, il Monumento nazionale a Vittorio Emanuele II, noto anche come Vittoriano. Inaugurato nel 1911 in occasione del 50esimo anniversario dell’Unità d’Italia, il Vittoriano vuole essere un richiamo alla Roma antica, un moderno foro su tre livelli collegati da scalinate sovrastate da un alto portico.

A quanti varcano il cancello e iniziano a inerpicarsi per le scalinate, il primo incontro è con la Tomba del Milite Ignoto, omaggio ai caduti e dispersi italiani in guerra; a sorvegliare il sepolcro, la statua della dea Roma.

E continuando a salire, dopo le statue delle Vittorie alate, la scalinata si scinde in due sentieri simmetrici dando accesso alle sale interne che, un un susseguirsi di scalini, si aprono nel colonnato che svela la vista su Roma. Ma se si vuole godere di un panorama ancor più suggestivo, il consiglio è quello di prendere l’ascensore e giungere al fianco delle due grandi quadrighe che dominano l’Altare della Patria; e ora non resta che ammirare ancora un attimo questa meravigliosa vista sulla Città Eterna.

INFO: Altare della Patria, piazza Venezia – Roma

biglietto intero per la Terrazza Panoramica del Vittoriano 12,00 Euro

vittoriano.beniculturali.it

LEGGI ANCHE Le piazze famose di Roma da non perdere

14.30: Pantheon

  • Pantheon, visitare Roma in 24 ore
  • L'oculo del Pantheon, Roma in 24 ore cosa vedere

Cercando di non cedere troppo ai morsi della fame, ci dirigiamo verso via del Corso per poi svoltare a sinistra su via del Caravita e proseguire su via del Seminario; ancora qualche passo e sarete ricompensati: davanti a voi il Pantheon, il monumento tra i più grandiosi dell’antica Roma, nonché tra i più significativi dell’architettura di tutti i tempi. Dedicato a tuti gli dei, cela al suo interno una vera meraviglia che i turisti in visita a Roma non possono perdere: varcato il pronao si accede a un ampio ambiente circolare e si è subito attratti da una calda luce che illumina il pavimento marmoreo. Alzate gli occhi e verrete rapiti dall’oculo che si apre sul soffitto; la luce vi abbaglia per un attimo ma regala ancor più fascino e suggestione a questo capolavoro dell’architettura. Ma non possiamo ancora fermarci, una nuova tappa ci aspetta a poche centinaia di metri.

INFO: Pantheon, piazza della Rotonda – Roma

www.pantheonroma.com

  • Piazza Navona, come visitare Roma in 24 ore
  • Piazza Navona e la Fontana dei Quattro Fiumi, 24 ore a Roma

Il sole continua a illuminare il nostro percorso e, imboccata prima via Giustiniani e poi via del Salvatore, ci ritroviamo in una della piazze più amate di Roma, piazza Navona, al centro della quale si staglia il capolavoro del Bernini, la Fontana dei Quattro Fiumi. Quattro statue monumentali si sporgono da una scogliera: sono le personificazioni dei quattro fiumi rappresentanti i quattro continenti conosciuti al tempo del Bernini, il Danubio (Europa), il Gange (Asia), il Nilo (Africa) e il Rio della Plata (America). Un punto focale per l celebre piazza che non smette di incantare turisti e romani.

INFO: Fontana dei Quattro Fiumi, piazza Navona – Roma

LEGGI ANCHE Itinerario alla scoperta delle opere di Bernini a Roma

h. 16.00: Castel Sant’Angelo

Castel Sant'Angelo, visitare Roma in 24 ore
Castel Sant’Angelo
(ph. Ilenia M. Melis)
Visitare Roma in 24 ore, cosa vedere

Con angora negli occhi i bagliori del capolavoro berniniano, abbandoniamo la piazza e percorriamo corso Rinascimento per poi sbucare a corso Vittorio Emanuele II. Da qui consiglio di muoversi con i mezzi pubblici per riposare le stanche membra e recarci alla prossima tappa, Castel Sant’Angelo. Scendere prima di ponte Vittorio Emanuele II e, percorsa via Paola, vi si aprirà la visuale su quel Castello che un tempo era il Mausoleo di Adriano. Biglietto alla mano, ci immergiamo nella Mole che l’imperatore Adriano fece costruire nella zona del Campo Vaticano intorno al 130 d.C.

Il mausoleo, ispirato a quello di Augusto, era formato da un poderoso cilindro alto 21 metri sopra il quale si elevava un torrione sepolcrale sormontato da una quadriga bronzea con la statua di Adriano. Oggi l’ingresso principale al Castello si erge tre metri sopra l’antico livello.

Ed è dal Cortile d’onore di Castel Sant’Angelo che iniziano a intravedersi le diverse costruzioni aggiunte nel tempo; una serie di mutamenti e stravolgimenti che raccontano la storia di Roma. Incluso nelle Mura Aureliane nel 403, il Castello inizia una seconda vita con la realizzazione del celebre Passetto del Borgo che collegava il Vaticano alla Mole. Nuove strutture si sommano alle antiche fino a formare l’attuale struttura, così ricca di valenze e stratificazioni simboliche.

E ancora una volta, percorrendo il loggiato affrescato che abbraccia il Castello, si apre dinanzi agli occhi un’altra splendida visuale sulla Capitale; e ci si specchia nel biondo Tevere che vorticoso scorre sotto i nostri occhi.

INFO: Castel Sant’Angelo, Lungotevere Castello, 50 – Roma

biglietto intero 12,00 Euro

castelsantangelo.beniculturali.it

17.30: Piazza San Pietro

Piazza San Pietro vista dal Cupolone, come visitare Roma in 24 ore
Piazza San Pietro vista dal Cupolone
(ph. Ilenia M. Melis)
Come visitare Roma in 24 ore

Ormai la stanchezza inizia a farsi sentire; ma non si può visitare Roma senza far sosta in un altro dei suoi luoghi simbolo, piazza San Pietro. Quindi, abbandonato Castel Sant’Angelo, ci dirigiamo sulla destra verso via della Conciliazione: impossibile sbagliare con la sagoma del Cupolone che svetta all’orizzonte. E giunti in piazza, ad accogliervi è l’abbraccio del colonato berniniano che fa da quinta scenica alla facciata del Maderno coronata dalla Cupola michelangiolesca. Ora provate a posizionarvi in uno dei punti posti sul pavimento a poca distanza dalle fontane: improvvisamente vedrete scomparire le quattro file di colonne allineate in un’unica illusione ottica così come pensato da Gian Lorenzo Bernini.

Non resta che entrare in Basilica e lasciarsi catturare dalla bellezza celata tra le sue mura: un trionfo d’arte e architettura che ha inizio con la Pietà di Michelangelo e che, come in un percorso di espiazione ultraterrena, culmina nel baldacchino berniniano sovrastato dalla Cupola michelangiolesca.

Per i più intrepidi, da non perdere la salita sulla Cupola di San Pietro: un’ascensore saprà alleggerire il percorso in salita, ma poi dovrete proseguire a piedi per altri 320 gradini. Ma la fatica sarà ampiamente ripagata sa un altro splendido panorama sulla città di Roma e su piazza San Pietro.

INFO: Basilica di San Pietro in Vaticano, piazza San Pietro – Vaticano

Ascensore fino al livello terrazzo + 320 gradini a piedi: biglietto intero 10,00 Euro

Salita a piedi 551 gradini: biglietto intero 8,00 Euro

www.vatican.va

LEGGI ANCHE La Basilica di San Pietro, cosa vedere

Siamo giunti alla fine del nostro itinerario a Roma in 24 ore; molte sarebbero le tappe da non perdere nella Capitale. Per altri spunti interessanti sulla Città Eterna vi rimando alla sezione Roma dedicata ai luoghi da scoprire nella Capitale. Appuntamento al prossimo viaggio nella bellezza.

Ilenia Maria Melis

4 commenti su “Visitare Roma in 24 ore, cosa vedere”

  1. Difficile fare una selezione di luoghi da visitare a Roma quando si ha poco tempo. Seguirò le tue tappe per la visita lampo che pensavo di fare proprio questo autunno a Roma (sperando che non chiudano di nuovo tutto!)

    1. Cerchiamo di essere ottimisti, anche se è difficile. Hai ragione, quasi impossibile riuscire a fare un itinerario che soddisfi la voglia di scoprire Roma in poche ore; però, quelli che ho selezionato, sono luoghi iconici. Per il resto, appuntamento a un prossimo viaggio

Rispondi