Venezuela Crisis © Ronaldo Schemidt, Agence France-Presse

World Press Photo 2018, storie oltre le immagini

Il Palazzo delle Esposizioni celebra il fotogiornalismo con World Press Photo 2018, mostra dedicata all’omonimo concorso, giunto alla sua 61esima edizione, che ogni anno premia i migliori fotografi che, con i loro scatti, hanno dato un forte contributo al giornalismo mondiale. Fotografi provenienti da 125  Paesi che con 73.044 immagini hanno offerto nell’ultimo anno uno spaccato autentico e talvolta crudo della realtà in cui viviamo. Un’edizione che parte dalla Capitale per poi diffondersi in oltre 55 Paesi sottolineando quanto i numeri crescenti testimonino l’interesse che le persone nutrono nei confronti del fotogiornalismo e di ciò che esso mostra per mezzo dei suoi scatti.

Boko Haram Strapped Suicide Bombs to Them. Somehow These Teenage Girls Survived. © Adam Ferguson, for The New York Times - World Press Photo 2018
Boko Haram Strapped Suicide Bombs to Them. Somehow These Teenage Girls Survived. © Adam Ferguson, for The New York Times -World Press Photo 2018

World Press Photo, molto più di un concorso

World Press Photo negli anni è divenuto molto più di un concorso tanto da spingere gli organizzatori alla creazione di corsi di formazione, masterclass, o conferenze dedicate alla fotografia.

Un codice etico a tutelare il concorso che sottopone le immagini a severe verifiche che ne garantiscano la veridicità; un valore importante che vuole mostrare storie reali che provengono dagli angoli del pianeta. Una mostra che opera un collegamento per mezzo delle immagini tra il mondo e le vicende raccontate grazie al lavoro incessante di fotografi capaci di condensare in uno scatto storie di secoli.

The Battle for Mosul - Lined Up for an Aid Distribution © Ivor Prickett, for The New York Times - World Press Photo 2018
The Battle for Mosul – Lined Up for an Aid Distribution © Ivor Prickett, for The New York Times – World Press Photo 2018

Non solo una galleria d’immagini

Immagini che non costituiscono solo un fatto estetico ma soprattutto una narrazione dei luoghi abitati e violati dall’uomo. Testimonianze che spaziano dall’ambiente alle notizie generali, dalle news alle storie d’attualità, dallo sport al singolo come protagonista di vicende travolgenti.

Scatti in cui l’odio diviene protagonista di individui senza volto che nascondono i loro tratti somatici, le loro malefatte dietro coltri di fumo; giovani che scappano avvolti da fiamme che ne incendiano il corpo (Ronaldo Schemidt, Agence France-Presse, Venezuela Crisis); bambini denudati di tutto, anche della loro infanzia, feriti nel corso degli scontri fra gli eserciti (Ivor Prickett, for The New York Times, The Battle for Mosul – Young Boy Is Cared for by Iraqi Special Forces Soldiers); storie di conquiste, di identità sofferte e ricostruite.

Lives in Limbo © Francesco Pistilli - World Press Photo 2018
Lives in Limbo © Francesco Pistilli – World Press Photo 2018

Gli italiani in gara

Fotogrammi in cui la quotidianità insanguinata diviene normalità, dove la vita non ha valore; luoghi in cui si uccide all’ordine del giorno, in cui il degrado è la casa in cui vivere, in cui rifugiarsi da una crudeltà che gela più del freddo pungente. Storie di migranti bloccati in condizioni climatiche e umanitarie che vanno oltre l’immaginazione. Una storia in 10 immagini quella di Francesco Pistilli, terzo classificato per la categoria Reportage; così, 1200 afgani si ritrovano bloccati alla stazione di Belgrado, senza alcun sostegno se non un aiuto da parte di MSF per garantire loro un pasto giornaliero. Senza coperte, scaldati solo da roghi improvvisati che più che scaldare intossicavano. Ed intorno una vita che brulica in una frenesia incessante che non regala a questi esseri dimenticati neppure lo sguardo di un passante; una vita trascorsa nel limbo dell’oblio.

Maschere che coprono la sofferenza, quella di una bambina innocente sul cui volto restano i segni indelebili di vie dell’odio percorse dalla guerra che colpisce ciecamente chiunque; Manal ha 11 anni, e la sua condanna è quella di dover coprire il volto dalla luce per proteggerlo dopo l’intervento subito in seguito all’esplosione di un missile a Kirkuk in Irak (Alessio Mamo, secondo premio Foto singole).

Terre contese in nome del progresso, con scontri che sottraggono agli indigeni le proprie radici, costringendoli ad abbandonare le proprie tradizioni: così Fausto Povadini ritrae le tribù Karo, Konso e Hamar allontanarsi dalle loro case mentre ancora tentano di aggrapparsi ad un’antica quotidianità fatta di giochi di bambini, lavoro e semplicità.

Omo Change © Fausto Podavini - World Press Photo 2018
Omo Change © Fausto Podavini – World Press Photo 2018

Le foto vincitrici del World Press Photo 2018

Storie che vogliono muovere riflessioni indipendentemente dal mezzo fotografico utilizzato aprendo al pubblico una finestra sulla realtà vicina e lontana dai nostri occhi. Frammenti che mostrano un pianeta, il nostro, sempre più invaso dall’immondizia, in cui la fauna continua incessantemente a diminuire lasciando spazio alla desolazione, ma anche storie a lieto fine con animali che tornano nei loro habitat dopo un periodo di esilio volto a preservarne la specie.

Foto veritiere che non si limitano a mostrare qualcosa ma parlano urlando a gran voce con una narrazione diretta a colpire non solo l’animo più sensibile muovendolo verso il cambiamento.

Ilenia Maria Melis

 

World Press Photo 2018

fino al 27 maggio 2018

Palazzo delle Esposizioni

Via Nazionale, 194 – Roma

www.palazzoesposizioni.it

www.worldpressphotoroma.it

www.worldpressphoto.org

 

Per info sulle passate edizioni del World Press Photo clicca qui

 

 

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto